KME TAVOLO ISTITUZIONALE IN PROVINCIA: trend positivo stabilimento di Fornaci di Barga. Torna l'ottimismo dopo mesi cupi



Si diradano le nubi sullo stabilimento KME di . I buoni risultati gestionali, di fatturato e di ordini dei primi tre mesi del 2017 hanno contribuito a mutare il clima minaccioso di qualche mese fa, mentre nuove prospettive di crescita e di consolidamento si aprono per l’impianto produttivo fornacino. La ventata di ottimismo, con le dovute cautele in vista della data fissata dall’accordo azienda-sindacati ad ottobre 2018 – è risultata evidente nel corso dell’incontro del Tavolo istituzionale che si è riunito oggi (venerdì 7 aprile), a Palazzo Ducale, su convocazione del presidente della Provincia .Al tavolo istituzionale, presieduto dal consigliere provinciale con delega alle vertenze sindacali – hanno preso parte il vicesindaco del Comune di Barga , i parlamentari e, i consiglieri regionalied, i rappresentanti sindacali di e aziendali, nonché l’amministratore delegato di KMEItaly , insieme ad altri dirigenti aziendali. Il manager Pinassi, in particolare, ha confermato che i primi tre mesi dell’anno fanno registrare dati positivi sia per quanto riguarda la produzione, sia per l’indicatore di redditività; insomma che costi del personale, ricavi, volumi di affari e ordini hanno un che fa bene sperare per il futuro; fattori che si affiancano all’aspetto del potenziamento del forno Loma1 su cui s’incentra la produzione dello stabilimento Kme di Fornaci. Tutto questo – è stato spiegato – nonostante l’impennata del rame a febbraio, il cui costo della materia prima è aumentato di 300 Dollari a tonnellata. Se, però, le industriali positive da una parte rassicurano le istituzioni locali e, in parte, i sindacati, questi ultimi hanno puntato il dito sulla questione dell’approvvigionamento delle materie prime, che sarebbe inferiore agli ordinativi con le relative difficoltà per sostenere la domanda, sia sull’aspetto dell’organizzazione del lavoro e dei turni settimanali in fabbrica. Su questi fronti l’azienda assicura che ci sono margini di miglioramento nei prossimi mesi quando l’obiettivo sarà quello di continuare ad incrementare la produzione e di ricercare nuove aree di espansione del mercato. Parole ben auguranti e il riconoscimento di un efficace lavoro dell’attuale sono arrivate da tutti i rappresentanti politico-istituzionali e, in particolare, i parlamentari Mariani e Marcucci hanno confermato il loro impegno nei confronti del Ministero dello sviluppo economico affinché si risolva, a livello legislativo, la questione dell’allineamento dei costi energetici delle industrie energivore italiane a quelli degli altri Paesi dell’Unione Europea. Costi del fabbisogno energetico che – a detta dei manager della KME che ha stabilimenti anche in Germania – incidono sensibilmente sul aziendale erodendo i ricavi e penalizzando la competitività internazionale del prodotto. “– ha concluso il consigliere provinciale delegato –



Source link