Archive by Author

VIABILITA' LUCCA: limitazioni al transito sulla sp. 24 di S. Alessio a partire da luned12 giugno



Limitazioni in vista per la a partire dalla prossima settimana e sino a fine luglio. La Provincia, infatti, ha autorizzato la ditta incaricata ad aprire un cantiere da a lunedì per il previsto intervento di estensione della rete fognaria di Geal che, in queste ultime settimane, ha provveduto a realizzare una stazione di sollevamento nell’area dei pressi dell’incrocio tra via di S. Alessio e via Dorini.L’intervento di Geal è rilevante e molto atteso dal territorio: permetterà l’estensione di 1,9 chilometri di rete e il ripristino del manto stradale alla fine dell’intervento. Le limitazioni al transito riguardano il tratto dal km 0+600 al km 1+570, in pratica (nei pressi del bar Tambellini), e riguarderanno inizialmente soltanto i mezzi pesanti con massa superiore a 7,5 tonnellate che dal 12 giugno al 31 luglio non potranno transitare mentre per i veicoli leggeri, in particolare nelle ore di punta, sarà istituito un senso unico alternato che sarà regolato dai movieri. I lavori più invasivi per la posa in opera della fognature saranno eseguiti di notte. La Provincia, infatti, ha istituito il . In prossimità del cantiere sarà istituito il limite temporaneo di velocità di 30 km/h.



Source link

Read full storyComments { 0 }

POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI : i risultati della ricerca "Ragazzi indipendenti" che ha coinvolto oltre 300 studenti del territorio



Uso delle sostanze stupefacenti e delle bevande alcoliche, ma anche utilizzo dei social media, il rapporto affettivo con genitori e famiglie, nonché le relazioni con coetanei, amici e compagni di scuola.Su questi particolari aspetti si è incentrata la ricerca statistica promossa dalla Provincia di Lucca insieme con il Ce.I.S (Gruppo “Giovani e Comunità” Lucca) e il Ce.S.Do.P. (Centro Studi e Documentazione Provinciale dipendenze emarginazione intercultura), col sostegno dei Comuni di Lucca e Capannori.La ricerca è stata redatta su base statistica analizzando le risposte di un campione di oltre 300 ragazzi di 6 istituti superiori del territorio provinciale delle classi 4^ e 5^. Gli studenti hanno compilato questionari anonimi in grado di fornire un quadro il più ampio e chiaro possibile del consumo di sostanze e del grado di consapevolezza, da parte dei ragazzi, nonché delle ragioni e delle conseguenze che esso produce. . Secondo i dati analizzati dall’Ufficio di statistica della Provincia di Lucca, il 55% degli studenti dichiara di sentirsi quasi sempre sostenuto emotivamente e affettivamente dalla famiglia, così come il 42% si dichiara quasi sempre soddisfatto del supporto affettivo degli amici. Il contributo economico che i genitori forniscono ai figli è percepito come adeguato da circa l’80% dei rispondenti. Gran parte dei ragazzi dichiara, inoltre, che la famiglia è a conoscenza delle persone con cui esce la sera, in un quadro che sembra quindi indicare a primo impatto una relativa integrazione tra ragazzi e genitori. Per quanto riguarda l’utilizzo dei social media non sorprende che il 90% dei questionari ne indichino un uso giornaliero. Quello che, invece, fa riflettere è che solo il 23% degli studenti riporti una frequentazione quotidiana con i propri amici, mentre un 20% dichiara di farlo soltanto 1-2 volte al mese. Uno studente su 4 consuma oltre le 40 volte l’anno e più dell’80% lo fa in discoteca o in altri luoghi pubblici. Oltre ai luoghi pubblici, il 31,8% dei ragazzi indica come luogo di consumo “altro”: questo spesso include anche il contesto familiare, dove l’assunzione di alcolici non viene percepita con alti tassi di rischio poiché avviene sotto il controllo dei genitori, ma di pari passo questo implica una legittimazione genitoriale al consumo alcolico che, se non affiancata da un’assunzione di consapevolezza, potrebbe portare i ragazzi a sentirsi tenuti a consumare liberamente sostanze alcoliche senza porsi limiti. La viene subito dietro l’alcol per frequenza e quantità di consumo, tanto che il 45% degli studenti ha dichiarato di averne fatto uso almeno una volta nell’ultimo anno e l’11% la consuma settimanalmente; di questi il 99% in compagnia di amici. Ciò che distingue la cannabis dal resto delle sostanze stupefacenti è il fatto che sembra essere percepita come “innocua”, godendo di ampia legittimazione tra i ragazzi. Inoltre, vi è un ma non c’è di fatto una netta distinzione legata al genere di appartenenza rispetto al consumo di cannabis.Fra le che spingono al consumo di sostanze al primo posto, secondo le risposte dei questionari, c’è il desiderio di svago, seguito però dallo stress e dalle tensioni quotidiane (relazionali, scolastiche e familiari). Infine i dati evidenziano che i comportamenti di consumo sono presenti fra gli studenti di tutti i tipi di scuole (licei, istituti tecnici, istituti professionali). “- commenta il presidente della Provincia “Ragazzi Indipendenti” ha avuto avvio il 16 gennaio 2017 a Palazzo Ducale con un incontro in cui la dott.ssa , ricercatrice dell’Istituto di fisiologia clinica del CNR di Pisa e responsabile dello studio ESPAD Italia, ha presentato la ricerca ESPAD 2015 che aveva coinvolto un campione di scuole suddivise nelle 4 macro-zone del territorio provinciale (Lucca e Piana di Lucca, Versilia e Valle del Serchio), nonché gli utenti di Centri di aggregazione giovanile della Piana come il Cantiere Giovani, Agorà e Artemisia. L’immagine di copertina della relazione finale del progetto, che raffigura il volo di Icaro in un dipinto del noto pittore francese Henri Matisse, è stata scelta in modo emblematico per lasciare un messaggio agli studenti, affinché essi stessi possano riflettere sui propri stili di vita. La relazione finale del progetto “Ragazzi Indipendenti” è consultabile nella sezione del sito web della Provincia di Lucca dedicata ai giovani



Source link

Read full storyComments { 0 }

VILLA ARGENTINA: prorogata al 9 luglio la mostra dedicata ai maestri viareggini Di Giorgio e Biancalana. In due mesi 4800 visitatori.



e hanno deciso di prorogare prossimo l’apertura della mostra dedicata ai maestri viaregginie, aperta dallo scorso 8 aprile a , a Viareggio. Il crescente e continuativo successo della rassegna espositiva dedicata agli artisti viareggini e gli oltre 4800 visitatori che hanno varcato la soglia della Villa per visitare la mostra hanno indotto gli organizzatori a prolungarne di quasi un mese l’apertura (inizialmente prevista fino a domenica 11 giugno) offrendo così ulteriori possibilità ai numerosi turisti presenti in Versilia e nell’entroterra di visitarla.La mostra di quadri e sculture – oltre 80 opere – rappresenta una piccola ma significativa raccolta di incisioni e carboncini, in un allestimento curato da , mentre l’organizzazione è della Fondazione Banca del Monte di Lucca, insieme con la Provincia di Lucca,con il patrocinio del Comune di Viareggio e l’adesione della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Lucca e Massa Carrara. Il pittore ed incisore, ha trascorso la maggior parte della vita lontano da Viareggio contrariamente a che, invece, attaccatissimo alla terra di origine, non se ne distaccherà mai. Questa non è che una delle tante differenze fra i due artisti, separati anche anagraficamente da una generazione, che “dialogano” in questa esposizione attraverso le proprie opere. Il pittore e lo scultore: ambedue orientati verso una rappresentazione figurativa della realtà, le loro individualità si esaltano a vicenda, nel confronto dei linguaggi impegnati su soggetti analoghi. La mostra resterà aperta ad con il seguente da martedì al sabato 10/13 e 15/19.00, la domenica dalle 15,30 alle 19,30. Chiuso il lunedì. : Tel. 0584- 1647600 www.provincia.lucca.it



Source link

Read full storyComments { 0 }

CONSIGLIO PROVINCIALE: il saluto ai sindaci Alberto Baccini (Porcari) e Umberto Buratti (Forte dei Marmi) che lasciano incarico amministrativo in Provincia



Più che un addio è stato un arrivederci. Il saluto che il capogruppo del PD in Consiglio provinciale anche a nome del presidente della Provincia ha voluto tributare ieri pomeriggio (mercoledì) in Consiglio provinciale ai sindaci e è stato un sincero ringraziamento e riconoscimento per il lungo impegno politico dei due primi cittadini i quali, con la conclusione del loro secondo mandato da sindaco, ormai imminente, nei rispettivi comuni di e, hanno terminato di fatto la loro esperienza di Consiglieri provinciali iniziata nel settembre del 2015. “– ha detto il capogruppo Boggi Al saluto del capogruppo del PD, Boggi, si sono uniti quelli di tutto il gruppo della maggioranza e i consiglieri di opposizione in Consiglio provinciale. A livello formale va detto che i consiglieri Baccini e Buratti (vicepresidente della Provincia) saranno sostituiti in Consiglio provinciale nella prossima seduta dell’assise di Palazzo Ducale quando avverrà la surroga con i primi dei non eletti nella lista PD del settembre 2015.



Source link

Read full storyComments { 0 }

SOGGIORNI ESTIVI GRATUITI 2017: pronti a partire per vacanze al mare e in montagna oltre 500 ragazzi del territorio provinciale



Un piccolo-grande “esercito” di bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 ai 17 anni è pronto a partire, anche quest’anno, per i soggiorni estivi gratuiti organizzati dalla e dalla Sono infatti tra bambini e bambine, ragazzi e ragazze, i partecipanti della 11ª edizione dell’iniziativa che prevede, a partire dal 1° luglio e fino a settembre, soggiorni estivi gratuiti, in montagna o varie località di mare.A Palazzo Ducale ieri pomeriggio (6 giugno), come di consueto, si è tenuto l’incontro informativo tra i soggetti organizzatori e le famiglie che beneficeranno del “buono-vacanza”. Ad accogliere i ragazzi e i loro genitori sono stati la dirigente del settore politiche sociali ed educative della Provincia e la vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, chehanno spiegato i motivi ispiratori dell’iniziativa fin dalla sua prima edizione, per poi entrare più nel merito delle questioni pratiche, dando la parola anche ad alcuni ragazzi che hanno partecipato alle precedenti edizioni per raccontare la loro esperienza.Anche quest’anno le richieste hanno di poco superato il numero degli effettivi partecipanti. Alcune domande non sono state accolte perché presentate fuori tempo massimo o poiché non rispettavano i requisiti del , basato come sempre su criteri reddituali delle famiglie. Dei alle “colonie estive”, le quali, a giudicare dal in crescita delle scorse edizioni hanno quasi eguagliato, come numero, quello degli “amici d’avventura”. Ecco: un’offerta vacanziera (gratuita per tutti i partecipanti) accattivante e varia, degna dei migliori .(Centro Keluar Torre Marina); il Sea Adventure Village a (Salerno); l’(vacanza in catamarano); il (Settimane azzurre in barca a vela)per i soggiorni in barca a vela, da Viareggio alla Capraia, dall’Isola d’Elba a Poro Azzurro; (Rimini) con “Ragazzi e cinema”; (Forlì-Cesena) per una doppia-settimana tutta mare e divertimento; (Trento) per “Montagna amica”; il complesso a Castelvecchio Pascoli (Barga) per il soggiorno “la vacanza verde”; il Centro ambientale “Anemone” di (Lucca) per la vacanza intitolata “tra parco e realtà”. Da segnalare che i soggiorni in e in – per i quali è obbligatorio saper nuotare senza ausilio di galleggianti – sono riservati, nel primo caso, a ragazzi e ragazze di età compresa dai 13 ai 17 anni e, nel secondo caso, a ragazzi e ragazze dagli 11 ai 17 anni. I singoli soggiorni, della durata di 6, 10 o 14 giorni ciascuno, sono 21, distribuiti nel periodo che va dal al . Anche per l’edizione di quest’anno la méta più gettonata si conferma (Rimini) con ben 160 iscrizioni per i soggiorni da 10 giorni tutti dedicati al divertimento, al mare e alla cultura cinematografica e dello spettacolo con proiezioni di film, laboratori e spettacoli che vedono i ragazzi protagonisti. E con la possibilità di incontrare attori di cinema e televisione.



Source link

Read full storyComments { 0 }

EDILIZIA SCOLASTICA: patto tra Provincia, alcuni Comuni e Invimit per la riqualificazione delle scuole del territorio



La riqualificazione, il recupero e la messa in sicurezza di molte scuole comunali e provinciali del nostro territorio passano da un accordo tra enti pubblici e privati che punta a riqualificare gli edifici scolastici e gli impianti sportivi ad essi collegati in base alle indicazioni dei singoli Comuni (referenti per le scuole elementari e medie) e della Provincia di Lucca che gestisce gli immobili di 44 scuole superiori sul territorio. Sul piatto ci sono che rappresentano la per gli investimenti previsti in futuro e a cui contribuiranno tutti i soggetti che aderiscono al protocollo d’intesa. L’accordo in questione è stato siglato oggi – lunedì 5 giugno – a Palazzo Ducale, dal presidente della Luca Menesini (anche in qualità di sindaco di ), dal primo cittadino del Alessandro Tambellini, dal sindaco di Alberto Baccini, dal vicensindaco di Caterina Campani, dall’assessore del Stefano Natali e dal sindaco di Riccardo Tarabella. Aderiscono all’accordo anche i Comuni die Presente nell’occasione anche Marcello Bertocchini, presidente della che avrà un ruolo fondamentale nello sviluppo degli accordi sottoscritti. Il progetto prende spunto, in particolare dalla potenzialità di richieste (e quindi di investimento) del territorio all’epoca del bando della Fondazione CRL il cui fondo a disposizione ammontava a 20 milioni di euro quando il ‘pacchetto’ di richieste di contribuzione era molto superiore. Quindi da un’esigenza evidente sul fronte dell’edilizia scolastica e degli impianti sportivi, molti dei quali sono stati realizzati molti anni fa e necessitano di interventi di adeguamento, messa in sicurezza (anche antisismica), riqualificazione energetica e funzionale, messa a norma.La finalità principale del protocollo è quella di aumentare la dotazione di risorse economiche da mettere a servizio del territorio e, in particolare, degli edifici scolastici che non sono stati ancora oggetto di ristrutturazioni e riqualificazioni da parte della Provincia e dei Comuni. Un obiettivo da raggiungere attraverso la costituzione di un da (società di gestione del risparmio del Ministero dell’economia e delle finanze) che potrebbe avvalersi di un contributo in conto capitale a fondo perduto da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Con la costituzione di Invimit, il Ministero dell’economia e della finanza ha messo in campo uno strumento di finanza immobiliare innovativo per contribuire allo sviluppo e alla valorizzazione del patrimoni immobiliari pubblici. La finalità è quella della rigenerazione urbana e territoriale e della riduzione del debito pubblico. Al protocollo odierno, in realtà, si è arrivati dopo una serie di incontri preparatori a partire dall’ottobre del 2016 attraverso i quali Invimit ha presentato a Provincia, Comuni e Fondazione CRL le possibilità esposte, e a cui sono seguiti poi riunioni di approfondimento, analisi tecniche ed economiche che hanno portato ad una preliminare e positiva valutazione del progetto. Va specificato che la sottoscrizione dell’attuale protocollo non vincola i Comuni alla successiva obbligatoria adesione che diverrà però vincolante dopo l’approvazione definitiva del progetto e del piano finanziario correlato. Da parte sua Invimit dovrà esprimersi prima con una manifestazione di interesse non vincolante e dopo con una delibera vincolante che determinerà con precisione le risorse dedicate al progetto, mentre a sua volta la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca dovrà deliberare l’ammontare del fondo dedicato al progetto stesso.. L’accordo siglato rappresenta il primo passo ufficiale che sancisce l’avvio del procedimento di formazione dello strumento finanziario finalizzato agli investimenti sulle scuole. Il passo successivo sarà – da parte di Provincia e Comuni – quello della mappatura degli interventi da rappresentare ad Invimit. Entro fine luglio Invimit dovrà approvare una predelibera con i valori economici di dettaglio. La Provincia di Lucca, individuato come ente capofila, si occuperà sia della procedura ad evidenza pubblica per la selezione dell’operatore privato che gestirà lo strumento finanziario, sia del coordinamento operativo e del raccordo tra i professionisti incaricati con gli enti locali, con Invimit, con la Fondazione Cassa e gli altri soggetti. I Comuni, dal canto loro, dovranno sia comunicare il loro fabbisogno finanziario e individuare un tecnico interno referente che seguirà l’iter in raccordo con la Provincia. I progetti di riqualificazione che saranno ammessi a finanziamento, secondo il cronoprogramma stilato da Invimit, potranno diventare cantierabili a partire dal 2018. Gli enti locali cominceranno a versare i canoni di contribuzione al soltanto dopo il collaudo delle opere realizzate. Investimenti Immobiliari Italiani Sgr S.p.A. è una società di gestione del risparmio del Ministero dell’Economia e delle Finanze che ha ad oggetto la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio realizzata attraverso la promozione, l’istituzione, l’organizzazione e la gestione di fondi comuni di investimento immobiliare chiusi, l’amministrazione dei rapporti con i partecipanti, la gestione del patrimonio di fondi comuni di investimento di propria o altrui istituzione e di altri organismi di investimento collettivo, italiani ed esteri, ivi comprese le funzioni di natura amministrativa, nonché la gestione di fondi immobiliari. Invimit Sgr, istituita nel marzo 2013, è stata autorizzata a fornire il servizio di gestione collettiva del risparmio, con provvedimento Banca d’Italia dell’8 ottobre 2013, ed è iscritta al n. 305 dell’albo delle SGR. Secondo quanto previsto dagli artt. 33 e 33-bis del Decreto Legge 98/2011, Invimit Sgr può operare sia tramite c.d. “Fondi di Fondi”, investendo in fondi target istituiti dagli Enti Territoriali, come anche in qualità di promotore e gestore di Fondi immobiliari diretti finalizzati a ridurre il debito pubblico e a generare economie di scala sul territorio, favorendone, anche lo sviluppo. La missione di Invimit Sgr è, dunque, sintetizzabile nella volontà di contribuire positivamente allo sviluppo e alla valorizzazione dei patrimoni immobiliari pubblici, sia attraverso la leva urbanistico-edilizia che perseguendone una più ampia e profonda rigenerazione, anche sul piano del risparmio energetico e della riduzione dell’impatto sull’ambiente. Sul piano operativo, al fine di perseguire la missione affidatale, sono stati, in prima battuta, individuati due principali ambiti tematici di intervento: quello riferito alla rigenerazione del patrimonio scolastico e quello relativo alla riqualificazione energetica e alla ottimizzazione degli utilizzi degli immobili pubblici.



Source link

Read full storyComments { 0 }

VIABILITA' VILLA BASILICA: la sp 35 chiusa 4 ore di notte tra il 5 e il 6 giugno in localitBotticino



Sarà chiusa di notte, per quatto ore, la strada provinciale n. 35 “di Villa Basilica” in località Botticino, nel comune di Villa Basilica.L’ordinanza è stata emessa dalla Provincia di Lucca per consentire la demolizione di un vecchio edificio, che risulta pericolante, situato all’altezza della strettoia in località “La Magia”. Nel caso fosse necessario un intervento da parte dei mezzi di soccorso (Vvff e ambulanze) sarà possibile utilizzare, nelle ore di chiusura della strada provinciale, il al cantiere costituito da una strada di servizio e parte dei piazzali di proprietà della cartiera S. Rocco. Sarà cura della ditta incaricata provvedere al ripristino della circolazione stradale in sicurezza nella zona del cantiere dove sarà in vigore il limite di velocità di 30 km/h per tutti i veicoli.



Source link

Read full storyComments { 0 }

VIABILITA': un altro tratto della sp 1 "Francigena" (via per Camaiore) sarampliato e messo in sicurezza in localitBollore (Lucca)



“”. Ad annunciarlo è il sindaco di Pescaglia, , che commenta: “ Alla soddisfazione del sindaco Bonfanti si aggiunge quella del consigliere delegato alle strade il quale spiega che . “– prosegue Puppa –. Questi ulteriori lavori programmati sulla via per Camaiore in località Bollore, nel territorio comunale di Lucca, prevedono soprattutto l’ circa della strada e della relativa messa in sicurezza. L’intervento previsto verrà effettuato sul lato monte della carreggiata tramite lo sbancamento di parte del versante e la realizzazione di un muro di contenimento dell’altezza di 3 metri circa. Secondo il progetto preliminare già predisposto dall’Ufficio tecnico della Provincia la carreggiata, una volta conclusi i lavori, avrà una larghezza complessiva di circa rispetto ai 5,50/6 m. attuali con due corsie di marcia di 3,25 m. ciascuna.Oltre ai lavori di ampliamento e messa in sicurezza del versante sono previsti interventi di regimazione delle acque meteoriche, il riposizionamento di un collettorie fognario, opere di risanamento stradale, la riprofilatura dei cigli a valle della carreggiata, il rifacimento dello strato di asfalto nonché la potatura delle piante ad alto fusto presenti in zona.



Source link

Read full storyComments { 0 }

BENI CULTURALI: tornano il 2 giugno le visite guidate gratuite a Palazzo Ducale



Dopo lo straordinario successo delle visite guidate gratuite organizzate dalla Provincia e dalla Prefettura di Lucca in occasione della Festa della Liberazione, lo scorso 25 aprile, tornano a Palazzo Ducale – – le visite gratuite del grande complesso architettonico di Lucca che ospita gli uffici delle due amministrazioni e le prestigiose sale monumentali. Sia il prefetto sia il presidente della Provincia infatti, hanno concesso il via libera per ripetere l’esperimento così ben riuscito poco più di un mese fa, quando Palazzo Ducale, dopo le visite della mattina riservate alle autorità, è stato “invaso” da oltre 300 turisti e lucchesi per tutto il pomeriggio.Il palazzo, quindi, sarà aperto ai visitatori, ma per garantire un afflusso maggiormente regolamentato. Alle visite guidate – curate da personale specializzato messo a disposizione grazie alla collaborazione del Comune di Lucca – saranno ammessi gruppi di visitatori nei Le visite dureranno un’ora circa e il punto di ritrovo è sotto il loggiato di Cortile degli Svizzeri con il percorso di visita che inizierà dalla Scala Regia della Prefettura. Il Quartiere di Parata di Palazzo Ducale – restaurato e tirato a lucido per l’importante appuntamento internazionale del G7 del 10-11 aprile che ha riportato Lucca e il suo Palazzo del Governo alla ribalta mediatica italiana e straniera – riapre quindi le sue porte che conducono il visitatore in spazi storici e prestigiosi, sede da oltre otto secoli del centro politico e amministrativo del territorio lucchese. Oltre all’imponente e affrescata sala Ademollo, alle sale Staffieri, Maria Luisa, Accademia I e II, alla sala del Trono e alla luminosa galleria Ammannati, sarà possibile ammirare l’elegante loggiato cinquecentesco progettato dallo stesso Ammannati, le nobili facciate del ‘Palazzo principale della Serenissima Repubblica di Lucca’ ridisegnate da Filippo Juvarra, l’apparato neoclassico progettato dall’architetto Lorenzo Nottolini, nonché gli ambienti del Palazzo sede della Prefettura di Lucca quali la Galleria delle Statue, la Sala del Bosco e alcune sale di rappresentanza come i salotti Azzurro, Giallo e Rosso. Nell’occasione, inoltre, sarà possibile ammirare i di alcuni bambini di tutto il mondo che costituiscono la mostra promossa dall’Associazione “I colori per la Pace” ed assistere alla proiezione video del documentario “ sulle donne, le voci e le testimonianze relative alla prima elezione a suffragio universale realizzato da Nadia Davini e Stefano Ceccarelli con la cura dell’Istituto storico della Resistenza.: tel. 337-1637919 (preferibilmente sms lasciando nome, cognome, orario di visita tra i tre indicati e numero di cellulare) oppure all’indirizzo Ricordiamo, infine, che il 2 giugno, per la Festa della Repubblica, saranno aperti liberamente al pubblico il (MuR) e il con sede a Palazzo Ducale (orario 10-13 e 15-18,30); l’I, sempre con sede a Palazzo Ducale, in orario solo pomeridiano 15,30-19; e il (in via S. Andrea n. 43) dalle 12 alle 14 e dalle 15 alle 18.00.



Source link

Read full storyComments { 0 }

VIABILITA' GARFAGNANA: aperto cantiere sulla strada Castelnuovo-Colle-Careggine. A giugno via ai lavori di rifacimento del muro sulla strada di Valfegana



Saranno presto messi in sicurezza nei tratti danneggiati dalle frane i versanti montuosi delle strade provinciali (nel comune di Castelnuovo Garfagnana) e (Coreglia Antelminelli) in località “La Dogana” dove un muro di contenimento fu in gran parte abbattuto da un grosso pino sradicato dalla furia eccezionale del vento il 5 marzo 2015. L’annuncio è del consigliere provinciale con delega alle strade sicure il quale spiega che . Più nel dettaglio per l’intervento sulla a , ossia sull’arteria principale da cui poi si dirama la strada per la fortezza di Mont’Alfonso, la Provincia ha reperito per mettere in sicurezza il versante. Nel tratto in questione l’amministrazione provinciale era già intervenuta in passato con lavori di somma urgenza ma adesso si rende necessario la bonifica vera e propria e la messa in sicurezza del versante montuoso per ragioni di sicurezza stradale. Per cercare di scongiurare scivolamenti di questa frane – anche grazie alla stagione che garantisce condizioni meteo più favorevoli – la Provincia eseguirà, quindi, interventi di messa in sicurezza che prevedono il bloccaggio del movimento franoso attraverso l’installazione di pali e tiranti, tali da congiurare la possibilità residua di movimento degli strati argillosi che rappresentano la causa dello scivolamento. Si tratta, pertanto, di realizzare una vera e propria nuova fondazione stradale ancorata stabilmente al sub-strato funzionalmente idoneo allo scopo. L’intervento progettato dai tecnici provinciali prevede, oltre al consolidamento del sottostrada, il ripristino della pavimentazione in asfalto. A giugno, invece, sarà aperto il cantiere per il rifacimento del muro sulla in località “La Dogana”. Per questo intervento la Provincia ha investito che serviranno per la ricostruzione completa del muro di sostegno lungo 10 metri (la parte crollata è di circa 6 metri) utilizzando il cemento armato che sostituirà la vecchia muratura in pietrame. L’intervento non si limiterà soltanto alla costruzione della nuova ‘barriera’ di contenimento, ma riguarderà anche le opere di regimazione delle acque superficiali (zanelle, cordoli e risagomature della pavimentazione stradale) per evitare il concentramento dell’acqua superficiale e quindi il possibile innesco di altri fenomeni di cedimento. “– aggiunge il consigliere Puppa –



Source link

Read full storyComments { 0 }